×
Altre destinazioni ×

La Chana

La Chana, situata al nordest di Granada, è una delle zone più popolari della città, nota per la sua intensa vivacità di cui i 27.000 abitanti, conosciuti come chaneros, vanno molto fieri. Non vanta certamente grandi monumenti storici e culturali, onore esclusivo che spetta al centro, ma è una fermata d’obbligo durante l’itinerario per gli amanti delle tapas. Si tratta, infatti, di un quartiere operaio e multiculturale di edifici bassi che riunisce una delle concentrazioni più alte di bar per metro quadrato della città. Bar famosi che ti lasceranno scegliere qualsiasi tapa di grandi dimensioni che faranno la felicità di chi ama la cucina tradizionale, semplice e prelibata. Se ti piace rimpinzarti di due o tre birre vieni a La Chana.

Costituito dai quartieri di Angustias-Chana-Encinas, Bobadilla, Cerrillo de Maracena e il più recente Quartiere dei Giornalisti, La Chana è un borgo popolare dove i granadini di sempre convivono con immigrati e studenti della facoltà di Belle Arti e della Scuola Tecnica Superiore di Ingegneria, che si trovano nella zona. Negli ultimi anni La Chana ha fatto un salto di qualità in termini urbanistici, migliorando anche i servizi sociali e l’offerta culturale e di svago, grazie anche alle rivendicazioni dei chaneros, che hanno sempre lottato per migliorare le condizioni del quartiere. È noto l’impegno del Centro Ricreativo della Chana che promuove la cultura e organizza laboratori e attività durante il corso dell’anno per ogni tipo di pubblico.

Il borgo affonda le sue radici nel quartiere di Las Angustias, dove tra il 1953 e il 1960, il Patronato dell’Arcivescovato incoraggiò la costruzione degli alloggi popolari. Tuttavia, il Cerrillo de Maracena esisteva già da molto tempo prima come rione appartenente al municipio di Maracena e sarà annesso al quartiere e a Granada soltanto nel XX secolo, quando, grazie alla coltivazione della barbabietola da zucchero, inizia a espandersi.

Bobadilla, dal canto suo, con i suoi 400 abitanti, è il borgo più piccolo di Granada e uno dei tre (insieme a El Fargue e Lancha del Genil) situati al di fuori dei limiti urbani della città. La sua storia rappresenta l’auge e il declino successivo dell’industria della barbabietola da zucchero nella pianura granadina: nacque intorno allo Zuccherificio San Isidro, uno dei più grandi di Granada. L’edificio che ospitava la fabbrica, degli inizi del XX secolo, è rimasto abbandonato sin dal 1983 e attualmente si erge a Bobadilla come un fantasma del passato.

Programmi vicini

Programmi correlati