Menu

Chiudi

Dove desiderate andare?
1 2
Sconti

REQUISITO DI TEST DI DIAGNOSI DELL'INFEZIONE ATTIVA (PDIA) DA COVID-19 IN VIAGGIATORI PROVENIENTI DA PAESI AD ALTO RISCHIO CON DESTINAZIONE SPAGNA

Dal 23 novembre 2020, tutti i passeggeri che arrivano in Spagna per via aerea o marittima devono sottoporsi a un controllo sanitario prima di entrare nel Paese. Questi controlli possono includere la misurazione della temperatura, un controllo documentario e un controllo visivo sullo stato del passeggero* (Vedere eccezioni per i viaggiatori con alloggio nelle Isole Canarie). Inoltre, coloro che provengono da un Paese/area ad alto rischio in relazione al coronavirus SARS-CoV-2, dovranno presentare un certificato con esito PCR NEGATIVO (COVID-19 RT-PCR), effettuato nelle 72 h precedenti al viaggio. L'elenco dei paesi o aree a rischio sarà aggiornato ogni quindici giorni sul sito web di Spain Travel Health -SpTH www.spth.gob.es

Qualsiasi modifica nei territori interessati sarà effettiva per 7 giorni dopo la sua pubblicazione.

Il controllo sanitario in ingresso consisterà nelle seguenti fasi e sarà effettuato nel primo porto o aeroporto spagnolo quando il passeggero arriva nella sua destinazione finale.

1. La misurazione della temperatura: verrà effettuata utilizzando termometri senza contatto o telecamere termografiche. Nel caso di arrivo di passeggeri in viaggio internazionale verso un porto spagnolo, le compagnie di navigazione, sotto la supervisione dei Servizi Sanitari Esteri, misureranno loro la temperatura prima dell'arrivo.

Allo stesso modo, i passeggeri che, dopo aver effettuato il controllo della temperatura, il controllo visivo o il controllo documentario, sono sospettati di avere la COVID-19, devono sottoporsi al test di diagnosi dell'infezione attiva. In alternativa, ai passeggeri può essere richiesto di effettuare un test COVID-19 RT-PCR entro 48 ore dall'arrivo, il cui esito dovrà essere comunicato ai Servizi Sanitari Esteri con i mezzi a tal fine indicati.

2. Controllo documentario: tutti i passeggeri provenienti da qualsiasi aeroporto o porto situato al di fuori della Spagna devono compilare un modulo di sanità pubblica denominato "Modulo di controllo sanitario", il cui contenuto varia a seconda che il viaggio sia aereo o marittimo. Nel caso in cui il passeggero arrivi in ​​aereo, deve compilare questo modulo tramite il sito web https://www.spth.gob.es/ o tramite l'applicazione gratuita SPAIN TRAVEL HEALTH-SpTH (disponibile per Android, iOS).

3. Accreditamento PCR negativo per passeggeri provenienti da paesi e aree ad alto rischio: All'arrivo in Spagna i passeggeri provenienti da un Paese o zona a rischio che non accreditano adeguatamente durante il controllo sanitario documentario l'esecuzione di una PCR per SARS-CoV-2 con esito negativo, effettuata entro 72 ore dall'arrivo, devono sottoporsi al test di diagnosi dell'infezione attiva (PDIA) stabilito dai Servizi Sanitari Esteri. Finché il loro uso armonizzato non sarà accettato nell'Unione Europea, non saranno accettati altri test diagnostici come i test rapidi degli anticorpi, i test rapidi di rilevamento dell'antigene o le sierologie ad alte prestazioni (ELISA, CLIA, ECLIA).

I passeggeri con una temperatura superiore a 37,5 °C e coloro che sono sospettati di avere il COVID-19 o un'altra patologia trasmissibile dopo il controllo visivo o dopo aver analizzato le informazioni contenute nel Modulo di controllo sanitario, nel caso in cui indichi la presenza di sintomi o stretti contatti con COVID-19, devono sottoporsi a una valutazione sanitaria, che includerà una valutazione del loro stato clinico ed epidemiologico e l'esecuzione di un test di diagnosi dell'infezione attiva, se necessario.

Se, dopo la valutazione sanitaria, viene confermato il sospetto che il passeggero soffre di una patologia che potrebbe rappresentare un rischio per la salute pubblica, se si tratta di uno stretto contatto con COVID-19 o se si ottiene un risultato positivo dopo aver effettuato un test di diagnosi dell'infezione attiva (PDIA) per SARS-CoV-2 all'arrivo verranno attivati ​​i protocolli di allerta sanitaria stabiliti in coordinamento con le autorità sanitarie delle comunità autonome. Per procedere l'autorità sanitaria può richiedere la collaborazione di altri organi amministrativi, pubblici ufficiali o altre istituzioni.

Il costo dei test di diagnosi dell'infezione attiva (PDIA) effettuati al punto di ingresso in caso di rilevamento nei controlli sanitari di un caso sospetto di COVID-19 è a carico dello Stato spagnolo.

Tuttavia, qualora ciò sia dovuto al fatto che non esiste un test di diagnosi dell'infezione attiva (PDIA) così come contemplata dal regolamento, comporterà una violazione della norma, pertanto sarà applicato quanto disposto dal Titolo VI della Legge 33/2011, del 4 ottobre, Ministero della Salute, con riferimento a infrazioni e sanzioni.

REGOLAMENTI SPECIFICI IN RELAZIONE ALLE ISOLE CANARIE

Fermo restando quanto precede, secondo le indicazioni del Governo delle Isole Canarie, per soggiorni dal 14 novembre 2020, i viaggiatori provenienti da Paesi/zone non ad alto rischio e da altre regioni della Spagna, devono presentare al proprio arrivo in hotel, il risultato del test antigenico e/o PCR e quello di tutti gli eventuali accompagnatori (di età superiore a 6 anni), effettuato al massimo 72 ore prima dell'arrivo e approvato dalle autorità sanitarie. È possibile presentarlo in formato digitale o cartaceo e deve riportare la data e l'ora del test, l'identità della persona fisica ad esso sottoposta, il centro autorizzato responsabile della sua verifica, l'indicazione relativa al tipo di centro, nonché l'esito negativo. In caso di mancata disponibilità del test diagnostico, l'hotel vi indicherà il centro autorizzato più vicino per eseguire il test.

I residenti delle Canarie devono dimostrare la loro condizione come tali e dichiarare sotto la loro responsabilità il non abbandono delle Isole Canarie nei 15 giorni precedenti all'arrivo presso la struttura e la non presentazione di sintomi compatibili con il COVID-19 in tale periodo.

Tale certificato non sarà richiesto ai non residenti che dimostrano attraverso il loro documento di viaggio di aver soggiornato nel territorio della Comunità Autonoma delle Isole Canarie i 15 giorni precedenti alla data di accesso a questa struttura ricettiva e di non avere avuto in tale periodo sintomi compatibili con il COVID-19.

INFORMAZIONI SULLA LIMITAZIONE DI MOVIMENTO ALL'ARRIVO

A causa della mutata situazione nell'applicazione delle limitazioni di movimento da parte delle autorità competenti, si consiglia di contattare l'hotel prima di mettersi in viaggio per verificare i possibili cambiamenti nelle misure adottate dalle autorità regionali o locali.

I nostri hotel dispongono di tutte le informazioni aggiornate e dettagliate.