Roma, la bellezza di un quadro millenario tutto da incorniciare
LETTURA

Roma, la bellezza di un quadro millenario tutto...

Roma, la bellezza di un quadro millenario tutto da incorniciare

Quando viaggiamo siamo sempre alla ricerca dello scorcio segreto, della vista inedita non ancora catturata da nessuno prima di noi, dell’angolazione perfetta da cui scattare una foto. Il problema, se così si può chiamare, diventa ancora più sentito se ci troviamo a Roma, che più che una città è un museo a cielo aperto, dove ogni suo monumento, chiesa, ciottolato o edificio meriterebbero di essere immortalati, data la loro bellezza immortale e millenaria.

Favolosi scorci dell’Isola Tiberina

In una città così grande c’è sempre qualche luogo inesplorato, oppure qualche angolatura particolare da cui catturare l’attimo perfetto. Favolosi scorci e scenari si possono trovare nei pressi dell’isola Tiberina, che offre numerosi spunti per le fotografie grazie al contorno pittoresco cui fanno da sfondo il fiume Tevere, antiche scalinate e una natura selvaggia. Un minuscolo tratto di terra, lunga non più di 300 metri e larga 90, collega ponte Cestio a ponte Fabricio, risalenti rispettivamente al 46 a.C. e al 62 a.C. Tra le leggende più accreditare in merito a quest’isola, vi è quella secondo cui nel 509 a. C. il popolo gettò nel Tevere l’abbondante quantità grano dell’odiato e spodestato re Lucio Tarquinio Superbo, formando così un’isoletta nel centro del fiume.

Il “buco della serratura” più suggestivo

Meno pubblicizzato dalle guide turistiche, ma molto famoso tra gli autoctoni è il cosiddetto “buco della serratura”, sul colle Aventino. Si tratta, più precisamente, della serratura del “Priorato dei Cavalieri di Malta” attraverso cui è possibile godere di un unico e suggestivo panorama sulla Cupola di San Pietro, come se fosse dipinta in un quadro. Il gioco prospettico che si riesce ad ottenere fotografando il panorama rende la vista della città ancora più emozionante. All’alba o al tramonto, è uno dei luoghi ideali per immortalare l’autentica bellezza capitolina. Recarsi in questo luogo è un must per chi vuole trascorrere una giornata immerso nel verde e nella cultura che caratterizza questo colle. L’ubicazione in una zona poco turistica, Circo Massimo, fa sì che non ci sia mai troppa gente, soprattutto perché in questo luogo incantato non ci si arriva per caso.

I magnifici acquedotti dell’Appia Antica

Sull’Appia Antica sorge une delle meraviglie architettoniche di Roma: il Parco degli Acquedotti che ospita strutture sia d’epoca romana che cinquecentesca. Un luogo meraviglioso dove lasciarsi ispirare da natura, storia e ingegneria per realizzare la foto ideale. Tra Cinecittà e Quarto Miglio si trova una immensa area verde di 15 ettari, dove sorgevano ben 6 degli 11 acquedotti che rifornivano Roma in epoca romana. Incluso nel Parco regionale suburbano dell’Appia Antica, offre una valida possibilità per passeggiare e ammirare una serie di testimonianze architettoniche di varie epoche. Nascosti tra i vari acquedotti vi sono infatti tombe, monumenti sepolcrali, un tempio, un mausoleo e anche sarcofagi in marmo. Insomma, un’inesplorata fonte inestimabile di storia e cultura a pochi passi dal centro storico, ma immersa in un’atmosfera rilassante in mezzo alla natura.

Street art e modernità

Roma non è solo storia e antichità: esempio è il quartiere Trullo, nella periferia della città, riqualificato interamente dal gruppo “Poeti der Trullo” utilizzando solo opere di street art. Questo piccolo museo a cielo aperto è uno spettacolare angolo in cui i muri degli edifici sono completamente affrescati e decorati da disegni, scritte e artistiche composizioni di colore.

Pontile di Ostia, un suggestivo scorcio sul mare

Lasciandosi alle spalle il centro storico della città, soggetto perfetto per chi ama fare fotografie, è la vicina Ostia, con il suo famoso pontile. Simbolo della “dolce vita”, è sicuramente il punto nevralgico da cui scattare immagini uniche, avvolti dal naturale fascino romantico e dall’atmosfera vintage, osservando il panorama che riporta a film anni Sessanta. Fin dai tempi della sua costruzione, negli anni 40, turisti e abitanti del luogo amano questo simbolo del litorale lidense. Un vero e proprio trampolino sul mare, che regala una vista pazzesca su un panorama e tramonti mozzafiato. Per una passeggiata romantica o semplicemente per lasciar navigare la mente, il pontile è il luogo più adatto.

Dove alloggiare dentro e fuori città

Dove alloggiare a Roma per poter visitare queste meraviglie nascoste? Un meraviglioso hotel in centro città è lOccidental Aurelia, ubicato in un antico monastero del XVII secolo, trasformato in hotel. A soli 3 km dalla Città del Vaticano e ben collegato ai mezzi di trasporto, rappresenta un’ottima soluzione per vuole scoprire Roma in tutti i suoi aspetti. Fuori dal centro, ma altrettanto magnifico e ben attrezzato, è l’hotel Occidental Aran Blu, che si trova sulla spiaggia di Ostia, proprio vicino al porto turistico di Roma. Le ampie vetrate di questo hotel danno la possibilità di godere di una vista mozzafiato sul mar Tirreno. Inoltre, dalla terrazza al quarto piano, si può ammirare una splendida vista del tramonto immersi in un ambiente idilliaco e di design.