LETTURA

Le più belle e scenografiche piscine naturali d...

Le più belle e scenografiche piscine naturali delle Isole Canarie

Partiamo subito con tre definizioni: PISCINA: 1. f. Costruzione che contiene una grande quantità di acqua e viene utilizzata per la balneazione, il nuoto o altri sport acquatici ed esercizi. NATURALE: agg. Detto di una cosa: che è come è in natura, o che non ha mescolanza o elaborazione. CANARIO/A: agg. Appartenenti a o relativi alle isole Canarie.

Le piscine naturali: come si formano

Quando si parla di piscine naturali delle Canarie, si intendono quei luoghi eccezionali dove anche l’Oceano Atlantico si rilassa un po’. Queste piscine si formano spontaneamente, senza l’intervento dell’uomo (a parte qualche elemento per facilitare la salita e la discesa, come scale o camminamenti), quando l’acqua del mare entra negli spazi a tenuta stagna, dove resta e forma, appunto, delle piscine naturali. Nelle isole Canarie ce ne sono più di sessanta. Buttiamoci in piscina e attraversiamo l’arcipelago alla ricerca delle nostre sette preferite!

Il Caletón de Garachico, Tenerife

Dove: vicino al castello di San Miguel del XVI secolo, in uno dei più bei centri storici delle isole, si trova El Caletón de Garachico; accanto a una piscina pubblica, la Playa del Muellito e il nuovo porto.
Il bagno: di fronte alle enormi falesie di La Culata con vista privilegiata sulla costa nord di Tenerife.
Accesso: facile.
Per dormire: a circa 45 minuti di auto, la capitale di Tenerife è un luogo strategico per visitare l’intera isola, perché è ben collegata con autobus o tram. È anche un buon punto di partenza per visitare altre isole come La Palma, La Gomera o El Hierro. Una buona parte dell‘offerta culturale dell’isola è qui. Godetevi l’hotel Occidental Santa Cruz Contemporáneo.
Una curiosità: il protagonista indiscusso di queste piscine è un’imponente roccia, simbolo dell’eruzione del vulcano Trevejo, che devastò Garachico nel 1706.

Charco Azul, La Palma

Dove: nella zona nord della bellissima isola, sulla costa del comune di San Andrés y Sauces, a La Palma.
Il bagno: il suo nome ci dice tutto sul colore delle sue acque. È una grande piscina protetta dalle onde e molto ben attrezzata con una piscina per bambini con fondo liscio e un laghetto con un nome poetico, il “Charco de las Damas”. Ha anche una piccola cascata e c’è parecchia vegetazione, solarium, docce, spogliatoi e parcheggio.
Accesso: facile.
Curiosità: nel 2013 ha vinto il premio Ecoplayas per la qualità delle sue strutture.

Charco del Conde, La Gomera

Dove: Valle Gran Rey, La Gomera.
Il bagno: se siete alla ricerca di tranquillità, questa è la scelta migliore dopo un percorso escursionistico o un buon pranzo nella zona. Il Charco del Conde viene trasformato con la marea e passa da “lago” a “pozzanghera”, quindi è perfetto per andarci con tutta la famiglia.
Accesso: semplice
Una curiosità: la pozzanghera deve il suo nome al signore dell’isola dopo la conquista castigliana del XV secolo.

Charco Azul, El Hierro

Dove: Il Golfo, impressionante valle della costa scoscesa in questa piccola isola delle Canarie.
Il bagno: Sebbene questo spazio potesse essere stato progettato da un grande architetto, la Natura stessa ne è stata responsabile, sfruttando le colate della lava. Ti sentirai su un altro pianeta a causa del suono avvolgente del mare.
Accesso: facile a piedi.

Las Salinas de Agaete, Gran Canaria

Dove: Agaete, famosa per i suoi ristoranti. Accanto a un palmeto e frutteti coltivati.
Il bagno: in un castello invalicabile, con piloni in calcestruzzo, ci sono tre piscine naturali, segni dell’identità di questo paesaggio costiero dell’isola legato alla tradizione delle immersioni.
Una curiosità: puoi passare da una pozzanghera all’altra grazie ai tubi vulcanici.
Accesso: facile: a piedi, dal viale del Paseo de los Poetas, o in auto, dalla strada El Muelle (c’è un parcheggio).
Ricaricate le batterie per un’altra giornata di avventura presso l’hotel Occidental Margaritas, sulla Playa del Inglés.

I Charcones, Lanzarote

Dove: nel sud dell’isola, a cinque minuti in auto da Playa Blanca.
Il bagno: in una delle piscine vergini di diverse dimensioni, profondità e forme che decorano i due chilometri di costa di Lanzarote dal faro di Pechiguera a nord, in direzione di Janubio.
Sono tipici i venti di questa isola e le onde, in mare aperto.
Accesso: pista sterrata.
Dormi come un bambino all’hotel Occidental Lanzarote Mar, sulla Costa Teguise.

Aguas Verdes, Fuerteventura

Dove: Playa del Valle, Betancuria.
Il bagno: punto roccioso sull’isola di sabbia. Si trovano in una zona di grandi mareggiate eppure, una volta nelle piscine, ce lo si dimentica. Sei chilometri di vasche e entrate, senza tracce umane.
Una curiosità: vedrai scoiattoli locali e grossi granchi sulle rocce.
Accesso: su strada asfaltata (ultimo segnale umano sulla strada) e strade sterrate.
Alloggia all’Occidental Jandía Royal Level – Hotel per soli adulti, a 400 metri dalla spettacolare spiaggia di Jandía, con vista sul mare: lo adorerai.
Metti il ​​costume da bagno in valigia e divertiti!