Osservazione delle balene a Samaná e whale watching ai Caraibi
LETTURA

Avventura ed ecoturismo nella Repubblica Domini...

Avventura ed ecoturismo nella Repubblica Dominicana, inizia la stagione del whale watching

Whale watching ai Caraibi: fino al 30 marzo potrai vedere nientepopodimeno che 3000 balene che emigrano nelle acque della baia di Samaná.

Si pensa a una fuga d’amore e la mente ci trasporta immediatamente alla calda atmosfera dei Caraibi, una delle mete più ambite degli innamorati di mezzo mondo: una cena sotto le stelle, un giro in barca a vela al tramonto, un massaggio di coppia e il relax più assoluto su spiagge da sogno bagnate dalle acque cristalline del Mar dei Caraibi. Un’isola lontana ed esotica che ha visto sbocciare e fiorire l’amore di coppie che scelgono la Repubblica Dominicana per un romantico viaggio ai tropici a ritmo di merengue. Le ricchezze dei Caraibi con i suoi scenari da favola e gli idilliaci paesaggi attraggono da sempre turisti e… qualche balena! Ebbene sì, ogni anno, tra gennaio e marzo, da 1500 a 3000 megattere lasciano le gelide acque del nord per accoppiarsi e riprodursi in acque più calde. Un percorso di 5000 chilometri fino alla baia di Samaná, che per la temperatura e la profondità dell’acqua, è il luogo ideale per i corteggiamenti e per partorire. Osservare queste creature marine è un’esperienza da non perdere, per questo se hai la fortuna di essere in vacanza ai Caraibi in questo periodo, il whale watching ti permetterà di conoscere da vicino la loro stagione degli amori.

Whale watching nella Repubblica Dominicana: le balene gobbe di Samaná

Sono chiamate “balene gobbe” (in spagnolo ballenas jorobadas) per la curvatura caratteristica che prende il dorso quando s’immergono in profondità e sono enormi mammiferi marini che misurano mediamente tra i 12 e i 15 metri arrivando a pesare fino a 60 tonnellate. L’osservazione delle balene durante l’accoppiamento è uno degli spettacoli naturalistici più affascinanti del mondo. Ma prima ancora di vederle, si sentono. Un canto misterioso percorre gli abissi marini, scivolando lungo canali invisibili; è il canto dell’amore che il maschio fa per conquistare la sua amata e imporsi sui suoi rivali, dando vita a vere e proprie competizioni tra di loro. Poi, fatta innamorare la sua prescelta, si lascia andare a giochi acquatici, salti, colpi di pinna, tuffi e acrobazie che faranno del whale watching l’esperienza più spettacolare mai vista. Dalla barca infatti è possibile assistere a questa emozionante avventura e fotografare questi magnifici esemplari a una distanza ravvicinata.

Whale watching nella Repubblica Dominicana per vedere i mammiferi marini più grandi che esistono

Ecoturismo Repubblica Dominicana a Samaná: whale watching ai Caraibi

Il whale watching è un’attività sempre più incentivata dal governo dominicano ed è regolato da una rigida normativa. A tal proposito, il Ministero del turismo, il Ministero dell’ambiente e delle risorse naturali, la Marina, il comune di Samaná e l’Ente di protezione della baia hanno firmato un accordo volto a monitorare gli spostamenti di questi mammiferi in maniera non invasiva. Da qualche anno, inoltre, i ricercatori stanno lavorando alla schedatura e alla catalogazione delle diverse specie di balene che abitano quest’area protetta (la più grande del Paese, con un’estensione di oltre 33 kmq), dichiarata dal Governo “Santuario dei Mammiferi Marini”. Negli anni Sessanta la caccia aveva talmente ridotto il numero di megattere da mettere in dubbio l’esistenza stessa della specie. Grazie all’intervento dell’International Whaling Commission (IWC), dal 1966 le megattere sono una specie protetta ed è vietata la loro caccia, da allora il numero di esemplari è costantemente aumentato.

Anche sulla terraferma sono presenti due punti di interesse per gli amanti delle balene: il Centro di osservazione terrestre delle balene di Punta Calandra e il Museo delle balene, dove scoprire i segreti della migrazione delle megattere e guardare da vicino lo scheletro di un enorme maschio di megattera.

Whale watching: le escursioni a Samaná

Chi desidera vedere con i propri occhi la stagione dell’osservazione delle balene può prendere parte alle escursioni in barca che partono da Samanà in direzione di Banco de la Plata, Banco de la Navidad e della Baia di Samaná e possono essere prenotate nella maggior parte dei resort all inclusive Repubblica Dominicana, in un tour operator specializzato o chiedendo direttamente al porto di Santa Barbara. Con un po’ di fortuna, si potranno osservare le megattere fare capolino dalla superficie del mare, che lasceranno gli spettatori a bocca aperta con divertenti acrobazie. Tra gli imprescindibili da portare con sé: una macchina fotografica, un cappello per il capo, un paio di occhiali da sole e un’abbondante dose di pazienza. Il contatto ravvicinato con le megattere e la loro grande coda ricompenserà di gran lunga l’attesa.

Come fare whale watching a Samaná durante l'arrivo delle balene tra gennaio e marzo di ogni anno

Non solo whale watching a Samaná

La penisola di Samanà non si limita al whale watching tre mesi all’anno, ma offre il paesaggio costiero meglio conservato della Repubblica Dominicana grazie a uno sviluppo turistico meno invasivo che in altre aree dell’isola. Samaná è un angolo di paradiso caraibico ancora inesplorato, caratterizzato da una grande varietà di paesaggi, che spaziano da spiagge bianche da sogno a lussureggianti foreste di mangrovie e spettacolari cascate. Tra i luoghi più romantici, il Salto del Limón, una maestosa cascata alta 50 metri, raggiungibile con un percorso di circa 2 ore a cavallo; l’incontaminata Playa Rincón con i suoi oltre quattro chilometri di insenatura di sabbia bianca e acque turchesi; e il Parco Nazionale Los Haitises, raggiungibile in barca attraverso una foresta di mangrovie e baie deserte. All’estremità orientale della penisola c’è Las Galeras, una tranquilla spiaggia frequentata dagli appassionati di windsurf e immersioni. Per un viaggio ai Caraibi lontano dalla calca del turismo di massa, Las Terrenas è il connubio ideale tra natura e divertimento, con i suoi 20 km di spiagge di sabbia dorata e la vivace vita notturna che offre locali da ballo e ristoranti sulla spiaggia dove degustare i migliori piatti tipici caraibici.